La passione per la cucina, la cucina per passione

Ciambellone tradizionale

La ricetta di oggi (tanto per cambiare, ciambella!) è una versione molto tradizionale del ciambellone firmata Maurizio Santin: si tratta di una torta molto soffice e morbida, particolarmente adatta per la colazione, semplice e personalizzabile all’infinito. Si può ad esempio realizzarne una versione marmorizzata, o incorporare del cioccolato in pezzi, oppure aromatizzarla con farina di frutta secca (nocciole, mandorle, pistacchi) o anche inserire della frutta fresca; insomma l’unico limite è la fantasia, se cercate una ricetta di base da cui partire per realizzare la vostra personale versione del ciambellone, questa è ciò che fa per voi.

Per realizzare questa ciambella “della nonna”, invece dei miei soliti stampi da bundt cake, ho utilizzato un tradizionale stampo con la base piatta. Prima di infornarla ho distribuito sulla superficie delle cucchiaiate di nutella congelata (Santin mi perdoni), che in cottura è scesa nell’impasto e si è sciolta, e ho creato una bella crosticina con dello zucchero.
L’originale si trova sul suo libro “Pasticceria, Le mie ricette di base” e sul suo blog ed è per uno stampo da 28 cm, io ho riadattato il tutto a uno stampo da 24 cm.

Ingredienti – per uno stampo da 24 cm 

225 g farina 00
190 g zucchero semolato, più qualche cucchiaio
3 uova a temperatura ambiente
115 g olio di semi
90 g latte
3 g sale
7 g lievito in polvere
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o la scorza di un limone o arancia)
zucchero in granella


Procedimento
In una ciotola montare i tuorli con lo zucchero, il sale e la vaniglia (o la scorza grattuggiata) fino ad avere un composto soffice e spumoso. Unire l’olio e il latte a filo mescolando a bassa velocità. Quindi unire anche la farina setacciata con il lievito mescolando a mano con una spatola e cercando di non smontare il composto.
A parte montare a neve gli albumi e unirli delicatamente all’impasto, sempre utilizzando la spatola.
Versare nello stampo imburrato e infarinato, cospargere la superficie con un paio di cucchiai di zucchero semolato e la granella a piacere, quindi cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per 40-45 minuti.


Related Posts

Ciambella alla lavanda e limone

Ciambella alla lavanda e limone

L’idea per questa ciambella proviene da un libro molto carino sulla pasticceria scandinava, ovvero Fika & Hygge di Bronte Aurell. Sul libro non ci sono ciambelle alla lavanda e limone ma dei blondies che propongono questo abbinamento: ho preparato i blondies, buoni, sono venuti come […]

Ciambella al gianduia

Ciambella al gianduia

La ricetta di questa ciambella proviene dall’ultimo di libro di Knam “Dolce Dentro”: il libro non è male, anche se preferisco di gran lunga “Che paradiso è senza cioccolato?”, la ciambella invece è molto buona e il gianduia le conferisce un sapore e una morbidezza […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: