Pancakes

La ricetta perfetta, collaudata in tanti anni di tentativi e preparata regolarmente tutte le settimane.
La dose è per circa 7 pancakes di medie dimensioni, è possibile moltiplicarla per ottenerne di più.
Non è possibile preparare la pastella in anticipo in quanto si perderebbe l’effetto lievitante; è però possibile mescolare polveri e liquidi separatamente in anticipo e quindi, solo al momento di cuocerli, unirli per creare la pastella.
La pastella non deve essere troppo liquida, deve invece risultare abbastanza densa: è molto importante non mescolare troppo una volta uniti liquidi e polveri per evitare di avere dei pancakes gommosi effetto frittella, va bene se rimane qualche grumo.
Per ottenere pancakes belli soffici e alti è importantissimo avere una componente acida che reagisca con il bicarbonato e provochi la lievitazione; la cosa migliore è usare il latticello (lo trovate nei supermercati ben forniti o bio o online), in sostituzione non è possibile usare il latte normale ma è necessario utilizzare un mix di latte, yogurt e succo di limone: sostituite 240 ml di latticello con 120 ml di latte, 120 ml di yogurt e un cucchiaino di succo di limone. La componente acida non solo è necessaria per la lievitazione ma dona anche un piacevolissimo sapore che contrasta l’eccesso di dolcezza. Procedete alla cottura subito dopo aver preparato la pastella: versate qualche cucchiaiata di pastella in padella, aspettate che sulla superficie inizino a formarsi delle bollicine e giratelo con una spatola, quindi cuocetelo anche sull’altro lato finchè è perfettamente dorato (il lato sotto, ovvero il secondo a cuocersi, è normale che non sia perfettamente liscio come sullo sopra); dopo averlo girato vedrete il pancake letteralmente gonfiarsi e alzarsi. La cottura avviene a fuoco medio, basta un po’ di pratica per prenderci la mano e trovare la giusta quantità di calore e il momento di girarli.
Servite caldi con sciroppo d’acero o burro fuso: per struttura, i pancakes sono fatti per essere mangiati con qualcosa di liquido (lo sciroppo appunto) che penetri all’interno e li impregni, ma se preferite potete anche spalmarli con nutella o marmellata.
Varianti classiche: è possibile aggiungere nei pancakes gocce di cioccolato (da mescolare nella pastella) o mirtilli o fettine di banana (da aggiungere direttamente sulla pastella una volta versata in padella).
La ricetta originariamente proviene da qualche blog o libro americano di cui ho perso memoria.

Pancakes

Per 6-7 pancakes di medie dimensioni

Ingredienti

  • 45 g burro
  • 1 uovo grande
  • 240 ml latticello
  • 125 g farina 00
  • 25 g zucchero
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato
  • un pizzico di sale (1/8 di cucchiaino)

Istruzioni

  1. Fondere il burro e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente.

  2. In una ciotola sbattere l'uovo, unire il latticello e il burro fuso.

  3. In un'altra ciotola mescolare farina, zucchero, lievito, bicarbonato e sale.

  4. Versare i liquidi sulle polveri e mescolare brevemente con una frusta a mano; prestare molta attenzione a non mescolare troppo, va bene se rimane qualche grumo. La pastella deve risultare abbastanza densa.

  5. Scaldare una padella su fuoco medio e ungerla con burro o olio di semi; rimuovere con della carta assorbente il residuo di burro/olio in modo che la padella sia unta ma asciutta.

  6. Versare  una dose di pastella con un mestolo o un cucchiaio (circa 3-4 cucchiai di pastella); la pastella si distribuisce da sola, basta lasciarla cadere al centro della padella.

  7. Lasciare cuocere finchè si formano delle bolle in superficie (circa 1-2 minuti), quindi girare usando una paletta o una spatola: il lato già cotto deve risultare uniformemente dorato.

  8. Cuocere anche sull'altro lato fino a doratura (circa 1-2 minuti).

  9. Servire caldi con burro, sciroppo d'acero, nutella o marmellata.



Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: