La crostata alla confettura di mia zia, ovvero la mia crostata preferita

Ripubblico, con nuove foto e qualche correzione che mi ha suggerito la nonna 🙂

Questa è la mia torta preferita. In assoluto, per me, nessun dolce batte una fetta di questa crostata.
E’ il sapore della mia infanzia: la mia prozia faceva (e fa tuttora) questa torta per ogni occasione speciale, mia nonna (sua sorella) con la stessa ricetta della frolla invece faceva i biscotti. Quando ero piccola preparavamo insieme la frolla per gioco, io poi mi nascondevo sotto il tavolo e la rubavo per mangiarmela cruda, posso con certezza dire che è il primo dolce che io abbia mai preparato.

La ricetta era quella di una pasticceria della mia zona e risale a circa 50 anni fa. Alla fin fine è una semplice crostata tradizionale, il metodo di preparazione è old school: si fa una fontana con la farina, si aggiungono tutti gli ingredienti e si impasta. Il risultato ha poco a che vedere con i moderni gusci di frolla, fini e croccanti, qui l’impasto è alto e rimane morbido, l’aroma è di limone e la confettura di albicocche. La morbidezza è dovuto soprattutto alla presenza del lievito: normalmente nella frolla non c’è, o è presente in minime quantità, in questo caso invece si abbonda.
Ovviamente potete utilizzare la confettura che preferite e aromatizzare la frolla con scorza di arancia o vaniglia, secondo i propri gusti 🙂

Stampa

Crostata con la confettura

Per una tortiera di 20-22 cm

Ingredienti

  • 300 g farina 00
  • 150 g burro leggermente ammorbidito
  • 125 g zucchero semolato
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • un pizzico sale
  • 5 g lievito vanigliato
  • 1 uovo intero
  • 2 tuorli
  • 1 barattolo di confettura
  • latte intero per spennellare

Istruzioni

  1. Disporre la farina a fontana su una spianatoia, distribuite lo zucchero, il lievito, il sale, il burro a pezzetti, la scorza di limone e al centro le uova.

  2. Impastare brevemente il tutto, senza lavorare troppo per non scaldare la pasta.

  3. Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare in frigo per un'ora almeno.

  4. Imburrare e foderare con carta da forno lo stampo. Stendere la frolla in un disco spesso circa 8-9 mm e usarlo per riempire la base delle tortiera.

  5. Bucherellare il fondo con una forchetta e stendere uno strato di confettura (non tutto il vasetto).

  6. Con la frolla avanzata creare il bordo e la decorazione. Riporre in frigo per altri 30 minuti prima di cuocerla.

  7. Spennellare la frolla con il latte e infornare in forno statico preriscaldato a 170°C per circa 45 minuti. Cuocere nella parte bassa del forno (ma non appoggiata sul fondo!)


Related Posts

Crostata con frangipane al gianduia e nocciole e la masterclass di Laghi

Crostata con frangipane al gianduia e nocciole e la masterclass di Laghi

Due weekend fa sono stata a Sweety e tra tutte le masterclass ne ho scelta una sola, quella di Stefano Laghi a tema cakes. L’ho scelta perché Laghi è il mio pasticcere preferito e il suo “Cakes” è il libro più bello che possiedo (e […]

Torta al gianduia aka Torta giraffa (Gianduione di Stefano Laghi)

Torta al gianduia aka Torta giraffa (Gianduione di Stefano Laghi)

Nota: sono riuscita a migrare i follower del vecchio blog (forse)! Non so come, è magicamente comparsa l’opzione migrazione su wordpress (o forse non l’avevo mai vista prima io) e quindi adesso anche i follower del vecchio dominio difrollaefrangipane dovrebbero ricevere le notifiche del blog […]



Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: